Arte in geriatriaVolontarie anche in Geriatria
Presenti in corsia per non fare sentire soli i ricoverati negli ospedali

Se la "Pediatria a misura di bambino" del Bufalini di Cesena è conosciuta anche fuori dai confini regionali e sostenuta da molti benefattori, anche in altri reparti è in atto - forse con minore eco me diatica -, un processo di "umanizzazione" dell’ambiente ospedaliero. Certo, i piccoli ricoverati sono coloro che maggiormente suscitano reazioni emotive e di altrui partecipazione al trauma del ricovero, da qui tutta una serie di strategie messe in atto dall’Ausl cesenate (dai disegni alle pareti, alle lettighe a forma di automobilina; dalla ludoteca alla presenza di dottori clown) per dare una dimensione il più possibile gioiosa di un luogo e di una situazione che sono motivo di stress per i piccoli e le loro famiglie.
A questo processo "a misura di degente", giova l’innovativo inserimento di figure volontarie, professionali, ma non sanitarie, che attuano, in convenzione con l’Azienda, terapie che potremmo definire, per lo spirito. Venti volontarie diplomate in art therapy, formatesi presso la Bmc Italian School di Cesena (con sede in via Quinto Bucci), garantiscono la loro presenza non solo in Pediatria, tutti i giorni, domenica compresa, ma anche 4 volte a settimana in Psichiatria, Geriatria Acuti e Lungodenza Geriatrica; negli ospedali "Cappelli" di Mercato Saraceno, "Angioloni" di San Piero e all’Hospice cure palliative di Savignano. Figure non convenzionali, capaci di stimolare reazioni positive attraverso la pittura, la musica, la scrittura.
"Le art terapiste - spiega la presidente di Bmc Italian School, Cinzia Lissi, counsellor, art terapista e a sua volta volontaria -, sono di diversa età, preparazione scolastica, estrazione sociale, tutte accomunate non solo dalla formazione nelle arti terapie, ma da uno spirito volontario e umanitario". Dietro ogni causa di ricovero ci sono storie di vita, ricordi, rimpianti, che in molti casi la malattia amplifica; anziani in età molto avanzata, magari soli e con figli poco presenti o lontani; malati mentali alle prese coi loro "fantasmi"; pazienti oncologici terminali e loro familiari che si misurano con una realtà drammatica. E i bambini, che la malattia purtroppo non risparmia.
"Ecco perché la presenza delle art terapiste deve essere discreta, ma incisiva; rispettosa della condizione di malattia, ma anche capace di dare stimoli positivi, perché ad esempio, un anziano che disegni, torni a usare i colori, a recitare una poesia, a cantare una can-zone esprime quanto non può essere incanalato dal linguaggio convenzionale". A volte - dice Roberta Riminucci, nella vita insegnante di danza classica e laureanda in Scienze Motorie-, si riescono a coinvolgere i degenti di una stanza a tre letti, oppure si deve limitare il rapporto a uno solo dei pazienti, nel rispetto della sofferenza e della necessità di cure degli altri vicini di letto. Dopo i primi momenti di perplessità, i degenti ci accolgono con gioia e mostrano orgogliosi a medici e infermieri i disegni, le poesie che hanno creato. Dare continuità della nostra presenza allo stesso degente crea un’intesa umana che porta anche a esternare paura, dolore, incertezza, speranze".
"Noi - aggiunge Mara Busni - andiamo nei reparti con l’intenzione di dare, ma è molto più quello che riceviamo: un sorriso, una carezza, la tangibilità di essere attese e gradite. Spesso mi accorgo di pazienti che, dalla finestra mi seguono con lo sguardo mentre esco dall’ospedale, e colgo l’empatia e la carica emozionale di quei momenti".

pdfScarica Articolo

UNI - Progetto norme Uni Counsellor Inchiesta pubblica Preliminare Gentili Colleghi e Soci,come vi avevamo anticipato, è stata avviata l’inchiesta preliminare per norma...

Nella locandina qui sopra trovate il programma del seminario. Per info e prenotazione Stefana 3478684007

Altre Notizie: Eventi

  • Il treno dell'arte

    "Il treno dell'Arte". Oggi, alle 18.30, nel piazzale Don Armando Moretti di Sant’Angelo, l’associazione cesenate “Bmc Italian School” presenterà il libro “Il treno dell’Art-Therapy: diamo voce alle e mozioni: parliamo con la fantasia!”, edito da “Il Ponte Vecchio”.
  • Serie "Ale e Gio"

    "Ale e Giò": la serie Tornano le avventure di Ale e Gio, storie di due bimbi a sostegno delia associazione Ageop dell'Ospedale S. Orsola di Bologna.
  • ArteTerapia

    "Ci piace pensare il il benessere dei singoli possa tradursi in benessere sociale."Parla di questo e tanto altro il libro 'Arte e Relazione d'aiuto' di Patrizia Belloi, pedagogista counsellor, formatore e supervisore ASPIC CNCP, e di Cinzia Lissi che, tra le altre cose, è gestalt counsellor, arteterapeuta e armonizzatrice familiare.
  • Arte in Pediatria

    "Arrivano i doni per i piccoli della Pediatria".
  • Arte in Geriatria

    Volontarie anche in Geriatria Presenti in corsia per non fare sentire soli i ricoverati negli ospedali
  • A Cesena si parla di ArteTerapia

    "A Cesena il 1° Convegno di ArteTerapia presso la Sala congressi dell'Abbazia della Madonna del Monte. Ecco i link dedicati a tale Convegno Articolo in Comune di Cesena Articolo in evensi.it Articolo in Eventbu.com Comune di Cesena Eventi Forlì-Cesena Cronaca Cesena
  • Welfare e Impresa

    "L'impresa toglie gli acciacchi ai dipendenti. Welfare e Impresa
  • Université Eurpéenne Jean Monet Aibsl

    Université Européenne Jean Monnet AIsbl Si è conclusa sabato sera, 19 maggio 2018, la lunga sessione d’esame che ha visto coinvolti gli studenti della scuola associata Art Health Therapy School di Berrinoro - Italia. Un’occasione importante e proficua in cui abbiamo registrato gli enormi passi avanti, in termini qualitativi, fatti negli ultimi anni nel macro settore delle discipline riferite all’a...
  • Arteterapia: Stampa e Libri

    Le nostre Pubblicazioni Nel corso degli anni per sostenere il progetto di arte in corsia e progetti analoghi del valore dell'arteterapia nella Relazione di aiuto, progetti che si basano sul volontariato puro, sono stati pubblicati alcuni libri e il ricavato di tale vendite è stato utilizzato interamente a tale scopo.Le pubblicazioni sono: Serie "Ale e Gio" Il treno dell'arte Sul tema arteterapia e...
Visite agli articoli
57413

Abbiamo 65 visitatori e nessun utente online